• en

Fratta dell’800 – Umbertide

Dal 31 agosto al 3 settembre 2017 Umbertide, fa un salto nel passato per tornare nel XIX secolo.
Usi, costumi, tradizioni, arte culinaria, politica e cultura del tempo, rivivono nelle “Feste di settembre di fine Ottocento” (quest’anno dal 9 al 12 di Settembre). E, per l’occasione, Umbertide si rifà il look. E cambia anche nome, ritornando all’antica denominazione di Fratta.
La “Fratta dell’Ottocento” vuole ricordare il modo di vivere dell´epoca rifacendosi ad una documentazione storica precisa. Pur lasciando spazio alla parte spettacolare, infatti, le ricostruzioni storiche sono quanto mai attendibili, salvo forse qualche concessione alla mondanità con gli stupendi costumi degli oltre 200 figuranti.
Per Umbertide la fine dell’800 ha significato una forte scossa sociale, culturale e politica. Questo perché, soggiogati per anni dalla dominazione del Governo Pontificio e passati al Regno d’Italia, gli abitanti di Umbertide (che prese questo nome a partire dal 1863) prendevano per la prima volta coscienza dei cambiamenti in atto in tutto il mondo. Umbertide cercò dunque di mettersi al passo coi tempi: la Fratta dell’Ottocento propone dunque uno spaccato di quel territorio quando, pur essendo ancora attraversato dalle truppe delle formazioni risorgimentali, si cominciava ad avvertire maggiore vivacità specialmente nelle forme di cultura popolare, libere ora dai vincoli e le censure del Governo Pontificio.
E infatti il programma della festa propone numerosi appuntamenti con musiche da opere e operette, spettacoli teatrali, letture di poesie e brani di prosa degli autori del secolo, spettacoli di burattini, conferenze e ricostruzioni di battaglie risorgimentali.

l’edizione 2017 sarà una sorta di ritorno al passato, quando la festa era caratterizzata da una numerosa presenza di militari e accampamenti; così circa 70 figuranti tra cui soldati del Battaglione Estense di Modena, Bersaglieri di Torino, Austriaci con il cannone da Peschiera del Garda e dieci Cavalieri di Tolentino, allestiranno tre campi di battaglia in piazza del Mercato, piazza San Francesco e nel parco della Piattaforma, dove sabato e domenica daranno vita esercitazioni, manovre militari, esemplificazioni di vita al campo (alcuni militari mangeranno e dormiranno nelle tende) e conflitti a fuoco fino alla rappresentazione di una battaglia del periodo del Risorgimento nella serata di sabato.

Grande spazio verrà poi dato ai bambini con spettacoli di burattini e laboratori circensi, mentre tutto il centro storico sarà animato da balli e canti popolari, numeri circensi, spettacoli di magia, balletti e improvvisazioni teatrali. Inoltre , in collaborazione con il Museo del giocattolo di Perugia, al Museo Santa Croce verrà allestita un’esposizione di giocattoli antichi e di lanterne magiche, antesignane del moderno cinema.
Di primaria importanza anche l’aspetto culinario con taverne e osterie che proporranno i piatti tipici della cucina contadina, dal macco ai quadrucci con i ceci, dalla pasta alla gricia alla coratella di agnello, passando per dolci e liquori fatti in casa. Sempre a cura delle taverne, verranno poi organizzati giochi popolari come morra, tiro alla fune e corsa con i sacchi, partite di football – sport che mosse i primi passi proprio a fine Ottocento – e una divertente gara di cucina che vedrà le giovani under 35 sfidarsi nella realizzazione di tagliatelle fatte a mano.
Tra musiche, sapori, balli, giochi, botteghe, garzoni, briganti e massaie, la grande rievocazione della Fratta vi porterà indietro nel tempo facendovi rivivere per qualche istante l’atmosfera dell’Ottocento umbertidese.

Author description

Alessandro

About the author: